Biografia

DSC3954 ridotta

Armando Bonato Casolaro, nasce a Milano negli anni ’50.

Risiede in Veneto nel Borgo Medioevale di Asolo (Treviso)

Ha lavorato nel campo della moda per circa trent’ anni.

Ha collaborato, in qualità di correttore di bozze, con il quotidiano LA VOCE di Indro Montanelli per tutto il periodo che la redazione del giornale è rimasta aperta.

Attualmente giornalista free-lance, Armando, è titolare della rubrica Stilefashion.net per la testata “NotizieNazionali.net” e collaboratore  con altre testate  on-line.

Amante dello scrivere e dei viaggi, trova in essi gli spunti per i suoi romanzi. E’ l’India il Paese magico che lascerà per sempre una traccia nel suo cuore descritta poi nella sua opera prima: “VIAGGIO CON JAHAN ” (2008). In seguito, New York – Boston – Bali – Tokio – Madagascar sono  i Paesi dai quali trae l’ispirazione per il romanzo: “TRE CHICCHI DI CAFFE’ ” (2010 – ora in seconda edizione) e dal suo sequel intitolato “LA GIACCA MIMETICA” (2013). Nasce così l’idea per una trilogia, chiusa idealmente con la pubblicazione di “UNA VITA UN INCONTRO ”(2015). Tutti editi da Aurelia Edizioni, i libri vengono presentati in vari regioni d’Italia. A Parigi, inoltre, dove si reca per soggiornare una decina di giorni ogni paio di mesi, vive l’esperienza di abitare in una Péniche (ex barconi ormeggiati stabilmente sulla Senna, un tempo adibiti al trasporto di grossi materiali, poi dismessi e trasformati in case galleggianti), ed è la sua Péniche a fornirgli l’ispirazione per una raccolta di racconti: “HISTOIRES EXTRAORDINAIRES” che pubblicherà sempre con Aurelia Edizioni nel 2014.

Vincitore di premi: Primo Classificato Premio Caterina Martinelli-Colli Aniene- Roma 2014 con  “Tre chicchi di caffè”.  Premio Letterario Nazionale “Un libro amico per l’inverno” con Medaglia della Camera dei Deputati e Premio speciale della Presidenza, ancora per il romanzo “Tre chicchi di caffè”. Secondo classificato al Premio Caterina Martinelli-Colli Aniene- Roma 2015 con la raccolta di racconti “Histoires Extraordinaires”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *